Sito web sulle malattie dentali e il loro trattamento

È possibile impiantare i denti con periodontite e malattia parodontale?

Статьи L'articolo 4 contiene commenti

La parodontite e la malattia parodontale creano una serie di difficoltà per l'impianto dei denti, ma non tutto è così disperato come potrebbe sembrare a prima vista ...

Successivamente scoprirai:

  • Esiste un impianto dentale per la parodontite e quali difficoltà possono essere osservate in questo caso;
  • Cosa succede esattamente nella cavità orale durante la parodontite e la malattia parodontale e come questi processi influenzano il successo della procedura di impianto;
  • Quali sono le opzioni per le protesi a seconda delle diverse situazioni cliniche;
  • Quali tipi di impianti possono essere applicati in caso di parodontite (malattia parodontale);
  • Ciò che è importante prestare attenzione dopo l'impianto dei denti già a casa, al fine di prevenire la parodontite a continuare il suo lavoro distruttivo.

La parodontite oggi è quasi la stessa malattia comune della carie e spesso porta alla mobilità e all'estrazione multipla dei denti. La domanda se sia possibile mettere gli impianti nella parodontite, è maturata dal momento stesso in cui la tecnologia degli impianti dentali ha appena ricevuto la sua giustificazione scientifica e gradualmente ha cominciato a guadagnare popolarità.Dubbi sulla fattibilità di impianto di medici sono sorti in relazione a tali malattie come la malattia parodontale (che si verifica in circa 1-3% dei pazienti).

La foto mostra un esempio di parodontite.

E qui - malattia parodontale

In generale, i dentisti sono divisi in due campi: alcuni ritengono che gli impianti dentali per parodontite e malattia parodontale siano un evento molto dubbio. Tuttavia, altri, al contrario, notano l'elevata efficienza delle protesi su impianti anche in presenza di queste malattie.

Allo stesso tempo, l'approccio al problema è di particolare interesse. Per esempio, i chirurghi maxillo-facciali e gli implantologi considerano uno spreco di tempo e denaro per "rafforzare" i denti senza speranza sullo sfondo della parodontite e ancor più sulla malattia parodontale, mentre i parodontologi introducono gli ultimi sviluppi relativi alla conservazione dei denti dalla rimozione di queste malattie e sostengono fortemente il fatto che tali denti dovrebbero ancora essere salvati.

Su una nota

L'impianto dentale è un'innovativa tecnica protesica che consente di sostituire i denti persi o problematici impiantando "radici" metalliche nella mascella con successiva fissazione di corone su di esse.Tali corone su impianti consentono non solo di imitare i denti naturali in termini estetici, ma anche di ripristinare la funzione persa (masticare) con il ripristino di un morso completo.

Anche se la condizione dei denti è molto scarsa, l'impianto spesso consente di ripristinare la bellezza di un sorriso e la capacità di masticare il cibo normalmente.

Quindi è possibile inserire impianti per la malattia parodontale e la parodontite, e in quali casi preferire questo approccio? Per comprendere meglio le specificità dei problemi e delle difficoltà che possono sorgere, dobbiamo prima capire cosa succede esattamente durante la parodontite e la malattia parodontale con i tessuti che circondano il dente ...

 

Cosa succede in bocca con parodontite e malattia parodontale

Il predecessore della parodontite è più spesso gengivite, un'infiammazione delle gengive che si verifica senza compromettere l'integrità della giunzione parodontale. La gengivite può comparire nell'infanzia e nell'adolescenza a causa dell'accumulo di placca batterica sui denti sullo sfondo di trattamento ortodontico improprio, stress, fumo, disordini immunitari, malattie acute e croniche, malnutrizione, malocclusione, scarsa igiene orale, mancanza di cure dentarie adeguate e t .d. I batteri (meno spesso funghi e virus) diventano la causa diretta dell'inizio dei processi infiammatori nelle gengive, che prima o poi si trasformano in parodontite.

Il predecessore della parodontite è la gengivite - in questa fase potrebbe già esserci un aumento del sanguinamento delle gengive ...

La parodontite è una delle cause più frequenti di perdita dei denti, poiché a seguito della progressione della malattia, c'è letteralmente la distruzione delle "cellule" dentali in cui è tenuto il dente. Nelle fasi iniziali, i sintomi della parodontite sono minori: sullo sfondo di abbondanti depositi dentali (pietra, placca), sanguinamento delle gengive, a volte può essere osservata anche una piccola mobilità dei denti.

Ma le esacerbazioni della malattia sono estremamente dolorose in termini di sintomi e stato psicologico di una persona: oltre al grave sanguinamento delle gengive, inizia la suppurazione dalle tasche dentali, una forte mobilità dei denti con dislocazioni, dolore e bruciore alle gengive, alitosi e una perdita attiva del tessuto osseo della mascella . Tutto questo in forma aggregata, infatti, può creare alcuni problemi per l'implementazione dell'impianto dentale.

La parodontite non è accompagnata solo da sintomi molto spiacevoli, ma porta anche a una perdita attiva del tessuto osseo della mascella.

A differenza della parodontite, la malattia parodontale non è una malattia infiammatoria. Pertanto, con la malattia parodontale, non ci sono tasche gengivali, suppurazione e mobilità dei denti, ma sullo sfondo della loro buona fissazione, i colli dei denti sono esposti con perdita ossea progressiva. Ridurre l'altezza dei setti interdentali sullo sfondo di focolai di osteoporosi porta spesso all'estrazione del dente, e poiché la malattia parodontale non è locale, ma una malattia generalizzata, vengono rimossi quasi tutti i denti che hanno perso il supporto osseo.

È interessante

Un certo numero di dentisti (principalmente chirurghi maxillo-facciali) ritiene che una malattia come la malattia parodontale non esiste affatto, preferendo allocare solo la parodontite come una forma estrema di infiammazione gengivale, che porta alla perdita dei denti. Tuttavia, i sostenitori dell'approccio tradizionale non vogliono riconoscere i loro punti di vista come obsoleti e fino ad oggi nella pratica dentale usano la classificazione lavorativa delle malattie ICD-10, in cui la malattia parodontale è indicata dal codice K05.4 e la parodontite cronica è indicata come K05.3.

 

Quindi è possibile mettere gli impianti per tali problemi con le gengive?

Sembrerebbe che l'impianto di denti durante la parodontite o la malattia parodontale sullo sfondo di una violazione dell'attaccatura parodontale e dell'allentamento dei denti possa essere un vero aiuto non solo nel ripristino della dentizione, ma anche nella prevenzione dell'ulteriore distruzione dell'osso (il carico sul tessuto osseo ne impedisce la perdita).

Col tempo, l'impianto può davvero fermare la perdita di osso rimuovendo la fonte di infezione e creando un carico masticatorio sull'osso.

Diamo un'occhiata alle situazioni cliniche più comuni:

  1. Tutti i denti contro la parodontite dovrebbero essere rimossi;
  2. Una parte significativa dei denti con parodontite può ancora essere salvata;
  3. Il paziente ha una malattia parodontale generalizzata.

 

Situazione 1: tutti i denti sullo sfondo della parodontite da rimuovere

In effetti, la prima situazione, nonostante la sua tragedia, è ancora un motivo abbastanza comune per i pazienti di andare dal dentista. Il fatto è che l'odontoiatria sovietica formava una volta in molte persone una forte paura dei dentisti, e l'approccio al trattamento della parodontite lasciava molto a desiderare. Pertanto, fino ad ora, le persone di 45-60 anni si rivolgono ai dentisti con segni della parodontite più grave, quando è già impossibile salvare i denti mobili rimanenti.

Nelle forme gravi di parodontite, tutti i denti devono essere rimossi.

Dopo aver pulito la cavità orale dei denti senza speranza in una persona, ci sono solo due modi: o indossare protesi rimovibili o eseguire protesi su impianti.

La variante con protesi totali rimovibili, ovviamente, è molte volte più economica rispetto agli impianti dentali, tuttavia, va ricordato che le protesi rimovibili sono caratterizzate da alcuni svantaggi:

  • Non fermano l'atrofia del tessuto osseo mascellare e in alcuni casi aggravano anche questo processo;
  • Il secondo inconveniente è un lungo periodo per abituarsi alle protesi rimovibili;
  • Inoltre, nel 60-70% dei casi, le protesi rimovibili non soddisfano i parametri estetici o funzionali (in altre parole, non colorano molto la persona e non sono molto comode da indossare e masticare).

Una protesi rimovibile completa è un'alternativa all'impianto dentale, ma lontana dal più piacevole.

Di conseguenza, ad oggi, la maggior parte dei dentisti tende a sostenere che l'installazione di impianti dentali per la parodontite è l'unica soluzione corretta e promettente, specialmente con la perdita completa dei denti.

Inoltre, vi è una prova scientifica di questo approccio: i propri denti in bocca sono collegati con l'osso degli alveoli attraverso l'apparato legamentoso del dente (tessuto parodontale). È nell'apparato del legamento che c'è un'infezione che causa una progressiva perdita di tessuto osseo nella parodontite. Dopo aver rimosso tutti i denti con l'apparato legamentoso infetto, l'osteointegrazione dell'impianto, cioè il suo accrescimento con l'osso della mascella, si svolgerà completamente e, a causa del carico masticatorio, sarà impedita un'ulteriore perdita di osso.

Dopo la rimozione di tutti i denti, l'impianto può essere eseguito.

Il risultato della sostituzione di tutti i pazienti e dei denti mancanti con impianti è un sorriso bello e uniforme e la capacità di masticare normalmente.

 

Situazione 2: una parte significativa dei denti con parodontite può ancora essere salvata

Considera il secondo caso, quando la maggior parte dei denti con parodontite può ancora essere salvata. Qui tutto non è così chiaro. Il fatto è che molto tempo prima dell'impianto in odontoiatria ci sono stati molti sviluppi riguardanti il ​​rafforzamento dei denti mobili - ad esempio, il loro splintaggio.

La versione classica di quel tempo era associata alla tecnica di "legare" i denti tra loro con corone saldate. Comprendere questa tattica è facile: un gruppo di denti mobili riuniti, trasformandosi in un unico insieme, che li ha resi più resistenti allo stress meccanico e per un periodo di tempo più lungo. Attualmente, le varianti popolari dei denti splint sono il loro "legame" con l'aiuto di filato di aramide e fibra di vetro.

La foto mostra un esempio di denti steccati con una filettatura speciale.

Pertanto, se tutti i denti (o quasi tutti) sono conservati nella cavità orale con la forma iniziale di periodontite, è possibile condurre un trattamento completo dei tessuti parodontali utilizzando dispositivi moderni (ultrasuoni, laser, ecc.) E le ultime tecnologie.

Su una nota

Tuttavia, va ricordato che la periodontite, secondo gli scienziati moderni, è una malattia incurabile, sebbene possa essere tradotta in una stabile remissione con la conservazione dei loro denti per molti anni. Tuttavia, per questo, soprattutto nei casi avanzati, ci vorrà molto tempo e denaro per eseguire manipolazioni complesse dal dentista-parodontologo con monitoraggio costante (2-4 volte al mese) e correzioni per le indicazioni del trattamento parodontale.

Se il trattamento gengivale diventa inefficace per qualsiasi motivo, viene eseguita la rimozione dei denti, che richiede la sostituzione immediata del difetto. Il pericolo di lasciare il "gap" risultante tra i denti è che i denti lasciati senza i loro vicini sullo sfondo della parodontite cronica iniziano lentamente ma sicuramente a "separarsi", il che porta a una violazione del morso e alla perdita multipla dei denti rimanenti in breve tempo.

Quando la malattia parodontale è molto pericolosa lasciare uno spazio vuoto nella dentatura senza attenzione ...

Qui è necessario determinare correttamente il piano per il restauro della dentatura, senza ritardare a lungo la questione. Ma ecco cosa è meglio scegliere rispetto alla parodontite esistente: mettere "ponti" ordinari (protesi), o spendere più costose protesi suimpianti?

Naturalmente, il piano ulteriore del trattamento che è appropriato in ogni caso particolare è scelto dal medico rigorosamente individualmente. Tuttavia, vale la pena ricordare che nella fase grave della parodontite, anche dopo un lungo ciclo di trattamento, rimangono gravi rischi di compromissione dell'attacco parodontale nell'area di quei denti che il dentista può prendere sotto il ponte (ci sono molti di questi casi).

Ogni anno, dal 30 al 40% dei casi di perdita dei denti vengono registrati insieme ai "ponti" entro 1-2 anni dalla protesi. Cioè, non vi è alcuna garanzia assoluta che dopo l'intervento di un parodontologo e un ciclo di trattamento che duri da 2-3 mesi a 1-2 anni, la distruzione dell'osso mascellare non continui ulteriormente. La perdita di tessuto osseo in futuro comporta seri problemi, che vanno dall'estrazione di più denti e terminano con ulteriori difficoltà nella protesi e nell'impianto.

Anche dopo il trattamento della parodontite, c'è il rischio che i denti diventino mobili e non siano più in grado di reggere il ponte.

Pertanto, i dentisti aderiscono ad una ragionevole tattica di scelta: se c'è una fase iniziale di parodontite, quindi condurre una terapia anti-batterica e anti-infiammatoria completa rispetto ai denti affidabili, e al posto dei denti mancanti sono installati gli impianti.La regola principale qui è che non ci dovrebbero essere denti vicino agli impianti installati che hanno tasche di gomma patologica con pus e infezione, altrimenti il ​​successo dell'impianto sarà discutibile.

Se il medico non è sicuro della prospettiva dei denti sullo sfondo della grave parodontite, tutti i denti non trattati vengono rimossi e gli impianti vengono invece posizionati.

Nelle forme gravi di parodontite, spesso viene eseguita l'estrazione di più denti (quindi gli impianti possono essere installati al loro posto).

richiamo

"Recentemente ho deciso di installare due impianti sotto e sopra. Circa 3 anni fa, prima, un dente veniva estratto da dietro una cisti, che scoppiava e usciva con pus, e l'altro dente era semplicemente rovinato dai medici. È stato ripetutamente curato e curato a tal punto che le gengive tra i denti hanno iniziato a gonfiarsi e sanguinare durante la pulizia e anche quando si morde una mela. A un certo punto, mi ha spezzato in modo da farlo esplodere sotto la gomma. Alla fine, anche io, lo straziai con le lacrime agli occhi.

Quando il dentista-chirurgo mi ha guardato, ha scoperto che, vicino al mio ultimo dente problematico, la parodontite era sorta a causa della costante assunzione di cibo nello spazio, ma non su tutti i denti. Pertanto, le mie gengive erano così dolorose e sanguinanti, e mi dispiaceva costantemente per loro di pulirle come un pazzo, così da non rovinare le ferite ... "

Anastasia, Mosca

 

Situazione 3: il paziente ha una malattia parodontale generalizzata

I casi clinici in cui viene diagnosticata la malattia parodontale sono abbastanza semplici in termini di pianificazione del trattamento. Il fatto è che la malattia parodontale è una malattia che porta quasi sempre alla perdita dei denti. È particolarmente difficile per una persona avere un momento di esposizione del collo dei denti con perdita progressiva del tessuto osseo degli alveoli. Pertanto, la strategia di trattamento più appropriata per la malattia parodontale è la rimozione dei denti e l'installazione (preferibilmente a stadio singolo) degli impianti.

Spesso con la malattia parodontale, la rimozione completa dei denti viene eseguita con l'installazione simultanea di impianti.

Poiché la malattia parodontale non ha un processo infiammatorio, non è necessario preparare in modo specifico la cavità orale per l'impianto, quindi la maggior parte degli implantologi aderisce alla tattica di estrazione del dente e posizionamento dell'impianto in una sola volta. Quindi è possibile fermare la progressiva distruzione del tessuto osseo a causa del ritorno del carico abituale. A volte nei casi più gravi, devi prima ripristinare l'osso perduto (rialzo del seno), e solo successivamente - l'impianto.

Protesi rimovibili parziali e complete senza impianto per la malattia parodontale non fermano i processi di atrofia del processo alveolare e spesso li aggravano.

Su una nota

La superficie dell'impianto installato è tale che dopo "la fusione" con il tessuto osseo, la struttura diventa più forte rispetto al caso del dente nativo. Con la giusta scelta del sistema implantare e la conformità con la tecnologia di impianto, anche con la parodontite e la malattia parodontale, gli impianti installati possono servire fino a 25 anni o più.

Gli impianti in titanio hanno una speciale superficie porosa, che contribuisce all'adesione del materiale con l'osso della mascella.

Una importante sfumatura che tiene conto delle caratteristiche individuali dello stato del tessuto osseo dei processi alveolari della mascella è il numero di impianti installati, che dovrebbe garantire il carico ottimale sul tessuto osseo per prevenire la sua ulteriore atrofia. La durata è determinata non solo dalle qualifiche dell'implantologo, anche se possiede le tecniche più recenti e avanzate, ma anche osservando le regole di igiene e cura per le strutture finite da parte del paziente stesso (vedi sotto per ulteriori informazioni su questo).

 

Come è l'impianto di parodontite e malattia parodontale

L'impianto per la parodontite di solito passa attraverso le seguenti fasi:

  1. Preparazione preliminare per l'impianto;
  2. La scelta del sistema implantare;
  3. Impianti implantari;
  4. Protesi su impianti.

La fase preliminare è una delle più importanti, in quanto consente di ridurre al minimo i rischi durante e dopo l'impianto. Include un intero programma per il trattamento della malattia di base, cioè parodontite o malattia parodontale. A seconda della possibilità di preservare i denti nella cavità orale, viene elaborato un piano di trattamento personalizzato.

A seconda delle condizioni dei denti, un piano di trattamento individuale può essere diverso ...

Ad esempio, se stiamo parlando della conservazione di gruppi di denti con parodontite nella fase iniziale, la preparazione preliminare prima di installare gli impianti può essere eseguita secondo lo schema seguente:

  • Pulizia professionale dei denti da tartaro e placca;
  • Terapeutici (bende, unguenti, ecc.), Chirurgici (operazioni patchwork, curettage, ecc.), Ortopedici (macinazione selettiva di denti, splintaggio, ecc.) E trattamento ortodontico della parodontite;
  • Rimozione dei denti che non devono essere conservati.

Il corretto trattamento della malattia di base può ridurre significativamente il rischio complicanze dopo l'impianto (per esempio, rifiuto di impianti dentali).Nell'area degli impianti installati non dovrebbero essere aree di processo infiammatorio attivo.

L'assenza di focolai di infiammazione nella zona degli impianti installati riduce significativamente il rischio di rigetto.

Altrettanto importante è la condizione generale della cavità orale (livello di igiene, cura della cavità orale) e la formazione di corrette abitudini.

Ma la malattia parodontale non è sempre suscettibile di trattamento conservativo e il processo di atrofia ossea può verificarsi ogni anno di più. Ecco perché il successo di ulteriori trattamenti dipende dalla tattica del medico in ogni caso particolare. Molto spesso, la preparazione per la malattia parodontale viene ridotta alla rimozione di tutti i denti che non sono adatti alle indicazioni funzionali ed estetiche, seguite da impianto e protesi.

Di particolare interesse è la scelta dei metodi per l'impianto in presenza di parodontite o malattia parodontale. Al momento, gli implantologi di solito scelgono le seguenti opzioni:

  • Impianto classico;
  • Metodo espresso;
  • Impianto basale.

 

Quali tecnologie e sistemi implantari sono più adatti

Ciascuna delle suddette tre tecnologie di impianto è selezionata per un determinato paziente, tenendo conto della gravità della parodontite o della malattia parodontale. Oltre al grado di atrofia del tessuto osseo, il medico tiene conto anche dell'età del paziente, della presenza di malattie associate, delle caratteristiche dell'area maxillo-facciale, ecc.È un approccio integrato nella fase iniziale (diagnostica) che consente di scegliere il modo giusto per installare gli impianti.

Oggi esistono diverse tecnologie di impianto e diversi tipi di impianti, diversi per prezzo e qualità.

Le cliniche moderne in vista dei punti sopra menzionati si inclinano più spesso verso il metodo espresso e l'impianto basale. Il fatto è che l'impianto classico è un processo in due fasi e viene eseguito non immediatamente dopo l'estrazione del dente. E dopo che gli impianti sono stati impiantati, passa più di un mese prima che il medico proceda con le protesi.

In contrasto con l'impianto classico, il metodo espresso consente anche la parodontite o la malattia parodontale (secondo le indicazioni) per eseguire un impianto in una fase immediatamente dopo l'estrazione del dente. Questo accelera il processo di rigenerazione ossea, riduce il livello di invasività dell'intervento e il rischio di infezione di una ferita aperta. Tuttavia, per il metodo espresso, è particolarmente importante osservare tutte le sfumature tecniche, che sono numerose, e esercitare un controllo accurato durante l'installazione degli impianti.

Con la parodontite e la malattia parodontale, un impianto in una fase può essere eseguito immediatamente dopo la rimozione del dente.

Per quanto riguarda l'impianto basale, viene utilizzato per atrofia del tessuto osseo, che spesso accompagna la parodontite e la malattia parodontale. A volte solo questa tecnica è adatta per una significativa perdita di tessuto osseo.Tali impianti vengono impiantati immediatamente con la componente secondaria (parte transitoria, su cui è fissata la protesi o la corona) con un angolo rispetto al punto in cui il tessuto osseo è sufficiente per la massima stabilità.

Ad esempio, gli impianti basali possono essere installati immediatamente dopo la rimozione dei denti.

La foto mostra un esempio di impianti basali installati nella mascella superiore.

La struttura e la forma degli impianti basali sono in grado di resistere a carichi pesanti e arrestare un'ulteriore atrofia ossea. Dopo 5-7 giorni, è necessario realizzare protesi, che dovrebbero dare un carico immediato. Un periodo così breve dall'impianto alla protesi conferisce agli impianti basali vantaggi significativi: molti pazienti sono molto felici di avere un bel sorriso pochi giorni dopo l'estrazione dei denti.

Su una nota

I tipi classici di impianto possono essere eseguiti anche con un'atrofia ossea significativa, ma con un'operazione di rialzo sinusale preliminare: se non c'è abbastanza osso per fissare l'impianto o è troppo "sciolto", il dentista costruisce il tessuto osseo (rialzo del seno) in aree dove gli impianti verranno installati in futuro. Non appena il periodo di recupero è terminato, il medico le stabilisce e lavora secondo il protocollo di trattamento standard, fino alla protesi definitiva dopo 4-9 mesi (a volte 1-1,5 anni), a seconda del caso clinico specifico.

La scelta di un sistema implantare è una fase cruciale a cui dovresti rivolgerti seriamente. Oggi, quando si sceglie un particolare tipo di impianto, tre criteri principali sono guidati da: garanzia, stabilità, costo.

Gli impianti sul mercato possono variare in modo significativo in termini di qualità, il che a volte influisce in modo significativo sulla durata della vita.

Ad oggi, esiste un tipo di valutazione dell'impianto secondo questi criteri.

Ad esempio, gli impianti premium includono i seguenti impianti:

  • Astra Tech (Astra Tech) - sistema di impianto svedese. Oggi è uno dei più ricercati grazie alle sue eccellenti caratteristiche tecniche, alla facilità d'uso e, soprattutto, a una garanzia a lungo termine e alla stabilità dell'engraftment;
  • Nobel Biocare - uno dei progetti più costosi, che è di alta qualità. Questo tipo di impianto è adatto a diverse situazioni cliniche;
  • XIVE (Ksaive, Germania). Anche impianti di altissima qualità;
  • Anthogyr è il sistema francese.

E alcuni altri.

Impianti a livello di prezzo medio, ad esempio:

  • Schutz (Germania) - strutture pieghevoli e non pieghevoli;
  • Zimmer (USA) - mini impianti, varietà standard, nonché impianti per l'impianto in un osso sottile;
  • Niko - Sistemi di impianti russi, creati da componenti tedeschi.

Alcuni sistemi implantari israeliani (ad esempio AlphaBio) sono ampiamente ascoltati da molti medici praticanti e sono richiesti dalla popolazione russa a causa del prezzo relativamente basso. In termini di qualità in determinate situazioni cliniche, non sono inferiori agli impianti più costosi di Germania e Svezia.

Per quanto riguarda il cinese, alcuni sistemi implantari russi e ucraini, molti dentisti sono scettici riguardo alle dubbie caratteristiche e alla stabilità media, sebbene ci siano più di cento implantologi che installano con successo migliaia di strutture simili ogni anno. Come si suol dire, quante persone - così tante opinioni.

 

Caratteristiche della cura implantare a casa: come impedire alla parodontite di continuare il suo lavoro distruttivo

Il successo delle protesi su impianti è influenzato non solo dalle fasi di preparazione e installazione degli impianti, ma anche dall'assistenza domiciliare postoperatoria delle strutture. Ciò è particolarmente importante con parodontite persistente o malattia parodontale, quando il successo dell'impianto è direttamente dipendente dall'applicazione di regole speciali.

La corretta manutenzione degli impianti consente di prolungare la durata utile, che è particolarmente importante con la parodontite persistente (malattia parodontale).

Regola numero 1.

Gli impianti dentali necessitano di un'igiene più accurata, poiché il rischio di sviluppare parodontite nella loro area è significativamente più alto rispetto a quello dei denti nativi. È particolarmente importante trattare la parte posteriore dell'impianto, dove la placca si forma in misura maggiore. Una scarsa igiene crea un ulteriore rischio di rifiuto.

Regola numero 2.

Le superfici di contatto (interdentali) devono essere pulite con filo interdentale. Tuttavia, alcuni dentisti trattano tali fili in modo negativo come fattori di rischio per lesioni permanenti alle gengive a causa di un uso inetto, quindi sono inclini ad altri metodi di pulizia delle lacune, ad esempio, utilizzando spazzolini o irrigatori interdentali. Inoltre, l'irrigatore consente non solo di pulire con successo anche le aree più remote e difficili da raggiungere, dove si accumulano molti detriti alimentari, ma migliora anche l'apporto di sangue nelle gengive, massaggiandole.

Regola numero 3.

È importante visitare il dentista almeno una volta ogni 6 mesi per la pulizia professionale di denti e impianti dentali insieme alle strutture.

 

È particolarmente importante seguire le raccomandazioni del medico nelle prime fasi postoperatorie, quando qualsiasi piccola cosa è importante.Ad esempio, in quasi tutti i casi clinici, la prima volta dopo l'installazione degli impianti (specialmente con parodontite e malattia parodontale) non è possibile fumare, prendere alcol, praticare sport e fare lavori fisici duri. È necessario seguire una dieta moderata, assumere i farmaci necessari e effettuare il risciacquo antisettico del cavo orale, oltre a pulire i denti dalla placca.

Tutto ciò consente di aumentare in modo significativo la durata di vita degli impianti, incluso il funzionamento permanente senza problemi.

Ti benedica!

 

Un video interessante: cosa scegliere, impianto o protesi classiche?

 

Informazioni sugli stadi e le complicanze della malattia parodontale, nonché sull'impianto in questa malattia

 

 

Scrivere "È possibile impiantare i denti con periodontite e malattia parodontale?" 4 commenti
  1. Svetlana:

    Articolo molto informativo, tutto con competenza, tutti i pro e contro. Mi è piaciuto molto.

    risposta
  2. Sergei:

    Cinque anni fa, le gengive hanno iniziato a sanguinare. Sono andato dal dentista, mi ha consigliato di comprare un balsamo. Allo stesso tempo, ha già sigillato la radice del dente già esposta. Ogni anno andavo con un problema al dentista: le otturazioni cadevano e le gengive sanguinavano. Fino a quando non sono venuti pieni tryndets. E ora offrono l'impianto, il prezzo di emissione è 300-400 mila. E tutti i cattivi in ​​camice bianco non sono trattati in odontoiatria urbana, ma offrono di andare a pagare, dove guadagnano anche soldi (bruciarli all'inferno con una fiamma blu).

    risposta
  3. Dmitry:

    Mi è piaciuto l'articolo, tutto è dettagliato. Ero solo preoccupato per il problema di impianto nella parodontite - il medico offre un ponte, ma dopo aver letto questo articolo, ho imparatoche i denti del pilastro del ponte possono anche cadere durante la parodontite. Grazie mille per il buon articolo!

    risposta
Lascia il tuo commento

su

Articolo 4 commenti

© Copyright 2014-2019 plomba911.ru

Non è consentito l'utilizzo di materiali dal sito senza il consenso dei proprietari

Politica sulla privacy | Accordo per gli utenti

feedback

Mappa del sito