Sito web sulle malattie dentali e il loro trattamento

Perché un dolore al mal di denti dopo il trattamento della pulpite ed è doloroso morderlo?

Proviamo a capire perché un dente può ferire a lungo dopo il trattamento della pulpite ...

Spesso, dopo il trattamento della pulpite, i pazienti sono sorpresi di scoprire che il dente continua a ferire: fa male a premere, mordere o può anche solo piagnucolare senza influenze esterne. Sembrerebbe che ci sia ancora malato, perché il nervo viene rimosso!

Purtroppo, il dolore post-riempimento dopo il trattamento della pulpite è un fenomeno frequente, e non sempre il problema si risolve da solo in pochi giorni. A volte le persone soffrono per mesi prima di rendersi finalmente conto che il dolore lancinante non scomparirà senza un aiuto medico.

Vediamo perché un tale problema può sorgere, quali sono le cause di solito e, soprattutto, come agire in una determinata situazione ...

 

Dolore dopo il trattamento della pulpite come variante della norma

Dovrebbe essere capito trattamento della pulpite - La procedura stessa è piuttosto traumatica. Molti esperti disegnano un'analogia con la chirurgia, dal momento che il dentista-terapeuta apre prima il dente,dopo di che rimuove i tessuti molli naturali dalla camera pulpare (fascio neurovascolare infiammato o necrotizzato), e quindi sostituisce questi tessuti con materiale di riempimento artificiale (in modo che non ci siano vuoti nel dente in cui i batteri potrebbero moltiplicarsi).

Il trattamento del canale dentale è una procedura piuttosto traumatica.

La foto mostra la polpa rimossa dal canale dentale.

Poiché le radici dei denti sono abbastanza lunghe, il medico usa speciali aghi dentali (i cosiddetti file) - ogni ago ha una certa lunghezza e spessore, ed è progettato per pulire i canali del dente dai resti della polpa infiammata. Durante il funzionamento, l'ago viene portato quasi alla sommità della radice del dente, e talvolta viene anche rimosso al di fuori di esso, ferendo i tessuti molli adiacenti alla radice.

File dentali

Maggiori informazioni sulla procedura di rimozione del "nervo" dentale in un articolo a parte: Come rimuovere un nervo da un dente e quali problemi possono sorgere..

Anche un passaggio obbligato nel trattamento della pulpite è il lavaggio dei canali con soluzioni di disinfettanti piuttosto concentrate, il classico dei quali è la soluzione di ipoclorito di sodio.

Tutto questo è una sorta di stress per i tessuti che circondano il dente e il recupero dall'infortunio richiede del tempo. Ogni caso è individuale, ma in media il dolore dopo il trattamento della pulpite non dura più di 5-7 giorni, diminuendo di giorno in giorno. Per tutto questo tempo, il dente è davvero doloroso da premere o mordere durante un pasto. Inoltre, nei primi giorni dopo il trattamento, la temperatura corporea può aumentare, come risposta naturale del corpo all'infiammazione locale sullo sfondo della lesione.

Le raccomandazioni dei dentisti per questo periodo sono di uso standard farmaci antidolorifici. Tuttavia, i medici spesso non dicono cosa fare al paziente, se il dolore in una settimana non è passato e non si osservano miglioramenti.

 

Le sfumature che i pazienti di solito non parlano

Se, dopo il trattamento della pulpite, il dente fa male per più di una settimana, questo è un motivo per essere avvertiti. Come altri medici, alcuni errori possono verificarsi nel lavoro del dentista, portando a complicazioni, e tali errori possono occasionalmente verificarsi anche tra i medici con 30 anni di esperienza.

Dovrebbe essere capito che la causa del dolore a lungo termine nel dente potrebbe essere un errore medico fatto dal dentista durante il trattamento della pulpite.

Per comprendere meglio l'essenza delle possibili cause del dolore post-riempimento e la criticità di una situazione per il futuro destino del dente, esaminiamo i possibili errori medici in modo più dettagliato.

 

Tessuto dei denti surriscaldato

Nella maggior parte dei casi, la rimozione di tessuti cariati del dente, ad esempio, sullo sfondo carie profondeViene eseguito con l'aiuto di strumenti rotanti meccanici - frese (a volte con un laser). Durante questa procedura, c'è un forte riscaldamento sia dello strumento stesso che dei tessuti duri del dente.

Quando si lavora un dente con un trapano, c'è un forte riscaldamento dello smalto dei denti, della dentina e del boro rotante stesso.

Se il posto di lavoro non fornisce sufficiente raffreddamento dell'area di lavoro con acqua (fortunatamente, ciò accade raramente), potrebbe verificarsi il surriscaldamento dei tessuti molli adiacenti al dente e la loro bruciatura termica. A causa dell'anestesia, il paziente non lo sentirà nemmeno durante il trattamento.

A seconda della gravità dell'ustione, il dolore dopo il trattamento della pulpite può durare in media dai 7 ai 14 giorni. Per l'ulteriore destino del dente è, di regola, non critico.

 

Il dottore non ha curato tutti i canali del dente.

Nel trattamento endodontico, il medico deve creare l'accesso a tutti i canali radicolari del dente - per fare ciò, è necessario trovarli e aprirli tutti. Diverse persone nei denti con lo stesso numero di sequenza possono avere un numero diverso di canali e possono anche avere un numero diverso di rami.

Questa è la bocca del canale radicolare del dente da masticare.

Su una nota

L'anatomia del sistema radicale di un dente può essere confrontata con un albero.Nelle radici dei denti, la polpa riempie canali speciali e, di regola, il loro numero corrisponde al numero di radici, ma spesso ci sono canali aggiuntivi.

I canali delle radici hanno un orifizio (iniziale) che comunica con la corona e una parte apicale (sul segmento finale della radice), sulla quale si trova un foro anatomico - la punta, attraverso la quale avviene la comunicazione con la gomma circostante ei tessuti ossei della mascella.

Quindi, è inaccettabile lasciare almeno un canale con l'infezione all'interno. Dovrebbe essere capito che in questo caso il centro di infiammazione non andrà da nessuna parte - si ricorderà di se stesso dopo il trattamento della pulpite, cioè il dente farà male. Il dolore notturno potrebbe non esserlo, ma ci vorrà molto tempo per mordere un dente e la patologia può trasformarsi in una forma cronica da formare cisti sulla radice del dente.

La foto sotto mostra un dente distante con una ciste sulla radice:

Gli errori nel trattamento della pulpite possono portare alla formazione di cisti sulle radici del dente.

Lasciare un tale focolaio di infezione senza trattamento è impossibile, cioè, in questo caso, il problema è cruciale per il futuro destino del dente. Un canale dentale non trattato lasciato intatto prima o poi costringerà il paziente a vedere un medico, e talvolta l'unica possibilità è quella di rimuovere il dente di fronte alla parodontite esacerbata.

 

Rompere lo strumento nel canale

La rottura nel canale di uno strumento dentale (un pezzo di un file è solitamente interrotto) è una delle più spiacevoli complicazioni del trattamento sia per il medico che per il paziente. Lasciare lo strumento nel canale, se non rimosso, è irto di una previsione sfavorevole - estrazione del dente in prospettiva per i prossimi anni.

Inoltre, dopo il trattamento della pulpite, il dente può durare a lungo - fino a diverse settimane (anche se in alcuni casi il dolore può andare via entro periodi normali, in un paio di giorni, ma questo non indica ancora l'assenza di infezione nell'area dello strumento rotto).

La radiografia mostra chiaramente un frammento di strumento dentale bloccato nel canale radicolare.

Perché il file dentale utilizzato per pulire i canali a volte si rompe? I motivi più comuni per questo sono:

  • Applicazione di forza eccessiva quando si lavora con un file;
  • Inosservanza dei principi del lavoro con lo strumento - alcuni angoli di inclinazione dei file;
  • Lavoro troppo lungo con lo strumento già deformato. Ogni file è progettato per un certo numero di manipolazioni, ma a volte i medici lo trascurano, nel tempo senza cambiare il file in uno nuovo durante l'elaborazione del canale.

Se il file si rompe proprio all'inizio dell'elaborazione del canale, allora non è così male, perché il medico può rimuovere facilmente la parte rotta con l'aiuto di speciali punte ad ultrasuoni. Se il file è rotto più vicino alla fine del canale, allora il frammento può essere molto difficile da ottenere.

Su una nota

L'uso di un microscopio dentale aiuta molto con questo lavoro, ma non tutte le cliniche dispongono di tale attrezzatura. Pertanto, il medico a volte tecnicamente non può estrarre un pezzo del file dal canale ed è costretto a sigillarlo così com'è, cioè con un frammento all'interno del canale (non tutti sono disposti ad ammettere il suo errore, oltre all'incapacità di correggerlo, inviando il paziente in un'altra clinica).

La foto sotto mostra un pezzo dello strumento estratto dal canale principale:

Se un tale strumento fosse rimasto nel canale, in futuro questo potrebbe portare a grossi problemi (fino all'estrazione del dente).

Tuttavia, è ancora necessario ottenere i detriti, poiché la parte dello strumento rimanente nel canale blocca un determinato segmento della radice e non consente di completare l'elaborazione: si forma un sito di infezione non trattato che può portare all'estrazione del dente in futuro.

 

L'output del materiale di riempimento per la parte superiore della radice del dente

Un materiale moderno e ampiamente utilizzato per il riempimento dei canali è costituito da perni in guttaperca. Corrispondono all'etichettatura dei file con cui viene preparato il canale e sono adattati alla lunghezza della radice, molto poco prima di raggiungere l'apertura anatomica dell'uscita ai tessuti sottostanti.

Su una nota

La guttaperca è una resina naturale, simile nella composizione chimica alla composizione della gomma naturale. La sua catena molecolare è più lunga, quindi è meno plastica della gomma. È ampiamente usato come riempitivo non assorbibile per il riempimento dei canali delle radici.

Un'altra variante del materiale di riempimento è costituita da vari cementi pastosi, che si induriscono all'interno del canale dentale dopo breve tempo.

In odontoiatria, usano materiali bioinertari, cioè, si presume che siano innocui per il corpo. Tuttavia, se il materiale di riempimento viene estratto dalla radice, può causare l'infiammazione dei tessuti circostanti, come una scheggia nel dito.

L'uscita del materiale di riempimento oltre l'apice della radice del dente può portare a un dolore post-riempimento prolungato.

In caso di eccessiva rimozione del materiale di riempimento per l'apice, il dolore post-riempimento può essere molto lungo. A volte il dolore quando premuto su un dente può persistere per mesi.

In questi casi, il dente deve essere rianalizzato, perché se l'errore non viene corretto, il problema potrebbe non scomparire del tutto e entro sei mesi (inoltre, una radice può formarsi alla radice).

Il materiale che è andato oltre la radice non si risolve da solo e, inoltre, può portare a un processo infiammatorio.

recensione:

"Ciao! Sei mesi fa, ha curato la pulpite, rimosso il nervo nel dodicesimo dente. Quando l'anestesia era sparita, c'era un forte dolore. Nell'immagine, il deflusso della radice è di circa 2 mm oltre la radice. Un mese e mezzo dopo, l'inferno è stato decompresso. Il dolore era un po 'meno, ma non tanto da poter essere tollerato.

Per i prossimi 3 mesi, il calcio è stato fissato e lavato. L'algoritmo del dolore era il seguente: quando la procedura è stata eseguita e immediatamente dopo il suo svolgimento si è verificato un forte dolore per 7-10 giorni (era impossibile mangiare, mangiare e bere attraverso la cannuccia, era impossibile toccarlo). Poi il dolore si attenuò un po ', per 5-7 giorni, e poi di nuovo aumentò di intensità. Quindi vanno 3 settimane, mi lavano di nuovo, mettono il calcio. Lo stesso, nello stesso scenario.

Sostituito il medico. Il nuovo medico ha deciso di sostituire il calcio per la quarta volta e ha aggiunto più iodoform. Per 4 volte il dolore è stato inferiore rispetto a tutti questi tempi di trattamento. Ma non è andata completamente - non era possibile né masticare né mordere, cioè il dolore rimaneva comunque, ma poteva già essere tollerato. In generale, il dente non ha smesso di ferire.E il dottore ha deciso di indossare comunque una guttaperca e un ripieno permanente. Ho messo. E come nel solito scenario: i primi 7 giorni - fa molto male, poi meno di una settimana, e poi il dolore aumenta di nuovo ... "

Olga, Mosca

E questo è solo un esempio dei molti casi in cui il dolore post-riempimento dopo il trattamento della pulpite durante la rimozione del materiale di riempimento per la punta della radice dura molto a lungo.

 

Frattura della radice del dente

La frattura della radice del dente è una complicazione rara e difficile da diagnosticare del trattamento endodontico (non è sempre possibile riconoscerlo su una radiografia regolare). I canali delle radici possono essere sigillati in base a tutte le regole, ma a volte durante il lavoro può verificarsi un microcrack alla radice, che può essere visto solo su CT.

La frattura della radice del dente è un'indicazione assoluta per la sua rimozione.

La frattura della radice del dente nella maggior parte dei casi è un'indicazione assoluta per l'estrazione del dente.

A proposito, la rimozione della radice del dente non è una procedura piacevole. Puoi leggere di più su di esso, così come visivamente vedere alcuni momenti nelle foto in questo articolo.

In casi molto rari, una frattura della radice può essere curata con l'aiuto di varie tecniche di incollaggio dei frammenti insieme. Ma questo non è sempre fattibile.

La frattura non si rimargina e l'infiammazione dei tessuti molli si forma presto attorno ad essa. È impossibile masticare un dente simile, il minimo sforzo causerà un forte dolore.

 

Dopo il trattamento, pulpite morso doloroso sul dente

In tutti i casi sopra descritti, dopo il trattamento dei canali del dente, si può osservare dolore quando si morde il dente e talvolta si crea anche la sensazione che l'intero lato della mascella sia dolorante.

In alcuni casi, il dolore quando si morde un dente è così forte che è quasi impossibile masticare con un lato della mascella.

In rari casi, sullo sfondo del dolore acuto, può sorgere la sensazione che il dente abbia iniziato a muoversi fuori dalle gengive. In odontoiatria, c'è anche un termine - "la sensazione di un dente adulto". Una sensazione simile si presenta nei pazienti a causa della parodontite - una malattia che è una complicazione della pulpite (si verificano infiammazione e suppurazione dei tessuti adiacenti alla radice del dente).

Se parliamo della fase acuta della malattia, il dolore durante la masticazione sarà molto forte, può anche "prudere" e danneggiare le gengive per lungo tempo attorno al dente. Se il processo è cronico, allora questi sentimenti non saranno così pronunciati. La parodontite può svilupparsi in assenza di trattamento della pulpite e (in casi molto più rari) dopo un trattamento improprio della pulpite.

 

Oversize the seals: cosa succederà se non viene fatto nulla?

Il sistema dentale è molto sensibile a qualsiasi cambiamento in esso, quindi anche se il medico ha trattato la pulpite secondo tutte le regole e con un trauma minimo ai tessuti del dente, il disagio e persino il dolore durante la masticazione dovuta al riempimento è ancora possibile per il momento, come per le otturazioni sulla masticazione molari superficiali

È molto importante che il ripieno sia stato formato dal morso (non è stato sopravvalutato).

Dopo il trattamento, i denti a volte si chiudono in modo leggermente diverso, non abbastanza familiare. La sensazione di disagio da una nuova otturazione può normalmente essere da 5 a 7 giorni.

Se il paziente avverte disagio più a lungo di questo tempo, se il dente interferisce nel morso e si ha la sensazione che sia più alto del resto dei denti, allora senza l'intervento del medico ciò può portare a vari problemi - che vanno dall'allentamento del dente stesso (poiché ha un carico maggiore) e termina con problemi con l'articolazione temporo-mandibolare.

Ecco alcune possibili conseguenze dell'eccessiva sovrastima delle otturazioni del morso, che a volte si presentano con il tempo:

  • Apertura della bocca difficile e dolorosa;
  • Dolore durante la masticazione (in alcuni casi, il dolore può essere dato all'orecchio);
  • Clic nei giunti della mascella quando si apre la bocca;
  • Cancellazione accelerata dei singoli denti;
  • Mal di testa regolari
  • Lo stress costante sul dente può anche causare parodontite traumatica.

Su una nota

Nella maggior parte delle cliniche odierne, i dentisti usano materiali fotopolimerizzabili per otturazioni dentali. Ciò è dovuto alla loro elevata resistenza, durata ed estetica. I sigilli di tali materiali non vengono cancellati per molto tempo durante la masticazione, quindi non dovresti aspettarti che il sigillo sarà presto cancellato e il problema scomparirà da solo. Rimuovere correttamente i riempimenti in eccesso in altezza può essere solo un medico utilizzando un trapano.

 

Dopo il trattamento, pulpite guancia gonfia

Qui è importante capire che il gonfiore della guancia che si verifica dopo il trattamento della pulpite è un chiaro segno di infiammazione dei tessuti molli che circondano il dente (e talvolta in aggiunta all'osso mandibolare). Questa condizione può essere accompagnata da malessere generale e debolezza, aumento della temperatura corporea, incapacità o difficoltà nel mangiare a causa di forti dolori.

Normalmente, il gonfiore della guancia dopo il trattamento endodontico non è affatto osservato. La temperatura può effettivamente aumentare (fino a 38-38,5 gradi), tuttavia, se si osserva un grave edema allo stesso tempo, febbre alta e dolore nel dente trattato sono un segnale di avvertimento.

Se, dopo il trattamento della pulpite, appare un forte gonfiore delle guance e la temperatura corporea aumenta, dovresti assolutamente vedere un medico per chiarire la situazione.

Tali situazioni sono piuttosto pericolose, quindi non aspettare e perdere tempo, credendo che il giorno successivo il gonfiore si risolverà e la temperatura passerà. Ciò potrebbe non accadere, inoltre, la situazione può peggiorare in modo significativo e rapido (fino a flemmone - infiammazione purulenta versata mortalmente). Pertanto, un ricorso immediato al medico, almeno per la riassicurazione e l'ispezione, sarà la soluzione più appropriata.

In nessun caso, se la guancia gonfia si scalda, peggiorerà solo la condizione. Inoltre, non dormire sul lato della guancia gonfia, in modo da non aggravare il gonfiore.

Se noti un "brufolo" (ascesso) o una fistola sulla gengiva, vicino al luogo in cui è stata eseguita la cura della pulpite, non può essere aperto o pulito da solo. È necessario consultare nuovamente un medico e correggere il trattamento (molto probabilmente, un centro di infiammazione è apparso sulla radice del dente, e il pus, sciogliendo il tessuto gengivale, si è fatto strada nella cavità orale).

 

Come potete vedere, le possibili cause del dolore ai denti dopo il trattamento della pulpite possono essere molte, e senza un ulteriore esame di solito è difficile dire quale sia esattamente la fonte del dolore.Se il dolore non passa più di una settimana dal momento del trattamento, o vi è un significativo gonfiore delle guance, o altri disturbi che non c'erano prima della visita dal medico - in questi casi, è necessario andare a un secondo appuntamento per chiarire la situazione.

 

Perché un mal di denti fa male dopo il trattamento canalare: commenti da un dentista

 

Video utile sulla comparsa del mal di denti dopo il riempimento del dente

 

 

Lascia il tuo commento

su

© Copyright 2014-2019 plomba911.ru

Non è consentito l'utilizzo di materiali dal sito senza il consenso dei proprietari

Politica sulla privacy | Accordo per gli utenti

feedback

Mappa del sito